Movie Style by Laura: SPECIALE OSCAR a Sorrentino

20140306-000701.jpg

“La grande bellezza” di Paolo Sorrentino ha avuto il potere di dividere gli italiani in due categorie, chi adora il film e chi lo odia!
Tony Servillo è Jep Gambarella, uno scrittore della Roma bene che si trascina verso un edonismo sfrenato nonostante abbia passato i 60 anni di età. Il film si presenta destrutturato nella forma narrativa e spesso più iconografico che logicamente narrativo. Le immagini più usate sono paesaggi e ritratti. Ottima la fotografia così come la sceneggiatura, ma il film risulta inizialmente lento e di difficile comprensione, almeno nei primi 20 minuti.
Sorrentino ricorda vagamente David Lynch, tra nani, vecchi, icone al limite della follia… arazzi e decontestualizzazioni…Racconta Roma e l’eterna ricerca di edonismo… con un patetico distacco dalla realtà!
Il film necessita di una seconda visione o di una terza per essere compreso a fondo e comunque non riscontra sempre il consenso estetico della gente, poiché il cinema, specialmente italiano, ci ha abituati ad altri canoni. Eppure nulla a che vedere con Fellini e La dolce vita, seppur Sorrentino si è ispirato al grande regista. Il quadro che ne risulta è di una Roma corrotta e alla ricerca di eterna giovinezza che non trova, ma che invece approda ad una decadenza estrema.
Anche l’arte raccontata nei suoi aspetti più sperimentali rischia di essere presa un po’ in giro tanto che molti artisti “installatori” si sono sentiti presi in causa da alcuni esempi narrati nel film e si sono offesi dall’immagine che se ne trae. Ma un film da Oscar deve pur far parlare, sia in bene che in male. Quindi a Sorrentino un plauso sicuramente va. Non è molto concorde sabrina Ferilli che si è particolarmente adirata con il regista perché non le ha permesso di partecipare alla cerimonia degli Oscar e lo ha accusato di averle rubato un sogno: quello di sfilare sul red carpet. Di sicuro il merito del successo della Grande Bellezza va anche a lei e al tutto lo staff del film.
A tal proposito Sorrentino si è servito di un cast eccellente che annovera tra gli altri oltre a Toni Servillo:
– Carlo Verdone: Romano
– Sabrina Ferilli: Ramona
– Carlo Buccirosso: Lello Cava
– Iaia Forte: Trumeau
– Giovanna Vignola: Dadina
– Pamela Villoresi: Viola
– Galatea Ranzi: Stefania
– Franco Graziosi: Conte Colonna
– Sonia Gessner: Contessa Colonna
– Giorgio Pasotti: Stefano
– Giusi Merli: Suor Maria “La Santa”
– Dario Cantarelli: Assistente della Santa
– Roberto Herlitzka: Cardinale Bellucci
– Serena Grandi: Lorena
– Massimo Popolizio: Alfio Bracco
– Anna Della Rosa: “Non fidanzata” di Romano
– Luca Marinelli: Andrea
– Ivan Franek: Ron Sweet
– Vernon Dobtcheff: Arturo
– Lillo: Lillo De Gregorio
– Luciano Virgilio: Alfredo
– Anita Kravos: Talia Concept
– Massimo De Francovich: Egidio
– Aldo Ralli: Cardinale
– Isabella Ferrari: Orietta
– Fanny Ardant: Se stessa
– Antonello Venditti: se stesso

La grande bellezza è che ognuno può leggere qualcosa di diverso all’interno di un film, con o senza Oscar.

20140306-000108.jpg

20140306-000149.jpg

20140306-000213.jpg

20140306-000327.jpg

20140306-000406.jpg

20140306-000543.jpg

20140306-000637.jpg

20140306-000029.jpg

Annunci

Un pensiero su “Movie Style by Laura: SPECIALE OSCAR a Sorrentino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...